PERCHÉ QUESTO MAGAZINE


Prima di tutto: il titolo. Per chi non lo sapesse tre casettine dai tetti aguzzi è il primo rigo della poesia di Aldo Palazzeschi intitolata Rio Bo. Ma perché tre casettine? Perché questo magazine (che un vero magazine non pretende di essere, non essendo registrato come tale ed essendo aggiornato senza cadenza mensile) vuole parlarvi di progettazione, di costruire, di risparmio energetico grazie all’ingegnere civile Mirko Rizzi (e quale costruzione è più simbolica di una casa?) e perché dall’altra parlerà di libri e cultura (qui rientra il ruolo della poesia) grazie a Lara Zavatteri, scrittrice.

mercoledì 25 gennaio 2017

CASA ENERGETICAMENTE AUTOSUFFICIENTE

E' stata realizzata a Zurigo la prima casa plurifamiliare autosufficiente dal punto di vista energetico. Per soddisfare il consumo di energia dell'intero edificio è stato posizionato un impianto di pannelli solari sulla copertura e inoltre per tenere in conto che ci sono giornate nuvolose e di brutto tempo nelle quali i pannelli non producono energia è stato installato un sistema di stoccaggio dell’energia.

http://www.swissinfo.ch/ita/vivere-in-modo-sostenibile_la-casa-che-non-ha-bisogno-di-allacciarsi-alla-rete-elettrica/42008254
Il nome del progetto è  "The House of the Future", La casa del futuro.
La palazzina si trova a Brütten nei dintorni di Zurigo ed è costituita da nove unità immobiliari ed è stata costruita riducendo al minimo i consumi e le perdite di energia, inoltre sul tetto e sulle facciate sono stati posizionati pannelli fotovoltaici per la produzione di energia.
L'autosufficienza energetica è garantita da un accumulatore a batteria della ditta Helion Solar, del Gruppo Alpiq che garantisce il fabbisogno energetico giornaliero. 
http://www.alpiq.com/it/notizie-storie/comunicati-stampa/media_releases.jsp?news=tcm:95-145374
http://helion-solar.ch/it/accumulatore

Ciclo giornaliero di un accumulatore di energia


Funzionamento degli accumulatori di corrente elettrica

https://www.youtube.com/watch?v=bB9p-MOuxAU

Nessun commento:

Posta un commento