PERCHÉ QUESTO MAGAZINE


Prima di tutto: il titolo. Per chi non lo sapesse tre casettine dai tetti aguzzi è il primo rigo della poesia di Aldo Palazzeschi intitolata Rio Bo. Ma perché tre casettine? Perché questo magazine (che un vero magazine non pretende di essere, non essendo registrato come tale ed essendo aggiornato senza cadenza mensile) vuole parlarvi di progettazione, di costruire, di risparmio energetico grazie all’ingegnere civile Mirko Rizzi (e quale costruzione è più simbolica di una casa?) e perché dall’altra parlerà di libri e cultura (qui rientra il ruolo della poesia) grazie a Lara Zavatteri, scrittrice.

sabato 18 maggio 2013

MASO SAN GIORGIO – PEFC

Dal sito:
Verrà inaugurato in Val di Sella il “Maso San Giorgio”, realizzato con legno di abete bianco, che nonostante le molte qualità troppo spesso è sottovalutato negli usi tecnologici ed edilizi e quindi venduto a prezzo inferiore. L’edificio, che ospiterà le attività del Servizio Foreste e Fauna della Provincia Autonoma di Trento, sarà utilizzato per le attività vivaistiche e di formazione degli addetti forestali, e verrà inaugurato venerdì 24 Maggio alle 12 in Val di Sella

Caratteristiche distintive:
-   il legno utilizzato (350 metri cubi) proviene dagli alberi dei boschi della Val di Sella messi a disposizione gratuitamente dai comuni di Borgo Valsugana e Castelnuovo;
-   le ditte aggiudicatrici dei lavori hanno tutte sede nel raggio di una ventina di chilometri rispetto a dove sorge la nuova struttura.
-   Il legno proviene da foreste trentine certificate secondo lo standard PEFC, lo schema di certificazione di gestione forestale più diffuso al mondo che assicura la gestione sostenibile delle risorse boschive.
 
Il Maso San Giorgio è raggiungibile da Borgo Valsugana percorrendo la Strada provinciale 40 della Val di Sella, in aree forestali certificate per la loro gestione sostenibile secondo lo standard PEFC, come oltre del 75% delle foreste trentine.

Nessun commento:

Posta un commento