PERCHÉ QUESTO MAGAZINE


Prima di tutto: il titolo. Per chi non lo sapesse tre casettine dai tetti aguzzi è il primo rigo della poesia di Aldo Palazzeschi intitolata Rio Bo. Ma perché tre casettine? Perché questo magazine (che un vero magazine non pretende di essere, non essendo registrato come tale ed essendo aggiornato senza cadenza mensile) vuole parlarvi di progettazione, di costruire, di risparmio energetico grazie all’ingegnere civile Mirko Rizzi (e quale costruzione è più simbolica di una casa?) e perché dall’altra parlerà di libri e cultura (qui rientra il ruolo della poesia) grazie a Lara Zavatteri, scrittrice.

martedì 19 febbraio 2013

LA PRIMA GUERRA MONDIALE E IL CAPITANO BERNI




Il prossimo anno ricorreranno i 100 anni dall’inizio del primo conflitto mondiale. Una storia particolare è quella del capitano degli alpini Arnaldo Berni, che combatté proprio durante la Grande Guerra sui confini tra Italia e Austria (parte trentina, allora sotto il dominio asburgico).

 Il capitano Berni perse la vita a soli 24 anni, il 3 settembre del 1918, durante la battaglia per il San Matteo e fu sepolto in una caverna di ghiaccio, con l’impossibilità di uscire o di essere recuperato, né subito né in seguito.

 Alla sua figura fu dedicato il libro “Il capitano sepolto nei ghiacci” ora (mi sembra) purtroppo non più disponibile. Si parla della prima guerra mondiale anche in uno dei miei racconti del libro Le Piccole Cose e nel libro Reset, in quest’ultimo nella terza parte, con uno dei personaggi che vive nella parte austriaca ma è costretto a sparare sugli amici di parte italiana.

Lara

www.larazavatteri.blogspot.com

Nessun commento:

Posta un commento